Blog: http://ilblogdellemamme.ilcannocchiale.it

Cosa fare in caso di colichette??

Le colichette…


A volte un bambino può essere irrequieto per via dell’ aria nel pancino…Premessa sulle cosiddette colichette del lattante, che affliggono tanti bambini tra i 15 giorni ed i 3-4 mesi: sotto questa etichetta vengono riunite probabilmente situazioni diverse con un comune denominatore cioè che il piccolo piange in modo inconsolabile per via di spasmi dolorosi al pancino, ed il pianto può durare anche per delle ore. Cosa provochi questi dolori, è materia di dibattito. Vi elenco alcune ipotesi:

·         il sistema nervoso autonomo che regola la contrattilità dell'intestino di un neonato è ancora immaturo, e l'intestino stesso in pratica non ha mai lavorato prima della nascita.. quindi entrambi hanno bisogno in un certo senso di una "messa a punto" per funzionare, all'inizio possono esagerare con la contrattilità, prima di imparare a "regolarsi"

·         il neonato poppando inghiotte anche dell'aria, e questa può passare dallo stomaco nell'intestino (in realtà, un buon attacco al seno diminuisce molto questo inconveniente) creando tensione e per reazione spasmo della muscolatura liscia

·         il neonato ha bisogno di contatto, viene da nove mesi di continuo contatto con l'ambiente uterino e la vita extrauterina in un certo senso rappresenta uno stress per lui.. e chi di noi non ha mai avuto almeno una volta maldipancia per lo stress? Inoltre le colichette sono molto più frequenti la sera, al termine della giornata, quando è normale essere più stanchi e nervosi (sia per il bimbo che per i genitori)

·         intolleranza al latte artificiale o ad altro cibo (è ancora discusso se l'alimentazione della mamma che allatta possa incidere.. gli studi in proposito dicono di no per tutti i cibi abitualmente chiamati in causa, e che solo latte e latticini sembrerebbero coinvolti in un terzo dei casi, poi ogni mamma ed ogni pediatra hanno la propria esperienza/opinione  in merito.. secondo alcuni, il pianto può rappresentare anche una richiesta di cambiamento nell'ambiente, infatti in molti casi le coliche si calmano portando il piccolo per esempio a fare un giro in macchina, oppure se si trova in un ambiente diverso (per esempio in visita a casa di amici)

E' molto probabile che per ogni neonato queste diverse cause agiscano in maggiore o minor misura a seconda dei casi. C'è anche chi sostiene che nessuna di queste sia la causa, ma si tratti di un fenomeno dovuto alla relativa immaturità del cucciolo d'uomo alla nascita .Insomma, ogni bambino è un po' un caso a sé. E per ogni bambino magari funziona un rimedio diverso, per cui potreste doverne sperimentare diversi prima di capire quale funziona per il vostro piccolo. L'unico che funziona proprio con tutti i bambini è il tempo: verso i tre-quattro mesi le colichette finalmente passano!

-tenere il piccolo in braccio e consolarlo: per non stancarsi troppo sono utilissime le fasce portabebè. Molti bambini sono aiutati dal movimento, sembra che questo li aiuti ad espellere l'aria, per cui l'adulto che li tiene in braccio deve camminare

-un bagnetto caldo: L'idea è proprio quella, di permettere al neonato di stare in posizione raccolta, e dargli la sensazione di essere un po' come nella pancia della mamma, immerso nel liquido amniotico.

-rimedi a base di finocchio:anche in farmacia…

-farmaci: le coliche possono variare per intensità da bambino a bambino, e nei casi più seri il pediatra può consigliare dei farmaci antispastici per rilassare la muscolatura intestinale. Di questo però dovete parlare con il vostro pediatra.

Un farmaco da banco che invece non necessita di prescrizione è il Mylicon, si tratta di simeticone, un composto inerte (cioè che non viene assorbito dall'organismo) che serve a "frantumare" le bolle d'aria intestinale per facilitarne l'espulsione. Perché sia efficace però va somministrato regolarmente durante la giornata per prevenire le coliche, non quando la colica è ormai iniziata. La cosa migliore comunque è che ne parliate con il vostro pediatra.

Pubblicato il 31/1/2007 alle 0.2 nella rubrica consigli utili.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web